L'Ipoacusia negli adulti

Informazioni sui vari tipi di perdite uditive, che impatto possono avere e come possono essere trattate.

Smiling woman in a suit

Il trattamento ottimale per la perdita uditiva è in funzione del tipo e dal grado di perdita. Le protesi uditive possono essere utili in casi di sordità lieve o moderatamente severa migliorando l’udito in generale e la comprensione del parlato nella maggior parte delle situazioni. Tuttavia in caso di diverse tipologie di perdita uditiva, come trasmissiva o perdita neurosensoriale grave-profonda, anche la protesi più potente potrebbe non essere sufficiente. In questo caso una protesi impiantabile potrebbe essere una soluzione

Diversi tipi di Perdita Uditiva

Perdita di tipo trasmissivo

Questo tipo di perdita è causata da un blocco nell’orecchio esterno o medio. Una protesi in questo caso deve aumentare il livello sonoro per compensare la perdita dovuta al blocco e questo può causare distorsioni e perdita di qualità. Una protesi a conduzione ossea può essere un’opzione valida e comprovata per una perdita di tipo trasmissivo. Il suono viene inviato tramite vibrazioni che si propagano attraverso l’osso, direttamente all’orecchio interno bypassando l’orecchio medio ed esterno. La conduzione del suono per via ossea è un modo naturale di sentire, le protesi a conduzione ossea non fanno altro che amplificare la quantità di suono che percepiamo attraverso questo meccanismo facendo sì che il suono giunga direttamente all’orecchio interno non influenzato dalla perdita trasmissiva. Il suono, rispetto a una protesi acustica, potrà essere percepito come più chiaro e meno distorto

 

Conductive hearing loss

 

Perdita Neurosensoriale in entrambi i lati

Una perdita di tipo neurosensoriale, o percettiva, è causata da un danno all’orecchio interno ovvero alla coclea. In caso di una perdita grave o profonda di natura neurosensoriale, un suono amplificato, anche ai massimi livelli da una protesi acustica può risultare molto fastidioso o distorto. In questi casi un impianto cocleare può essere un’efficace soluzione a lungo termine. Si tratta di una protesi che va a stimolare direttamente il nervo sostituendosi alla coclea che non è più in grado di fornire uno stimolo appropriato al nervo uditivo. A differenza delle protesi acustiche, che amplificano il suono, un impianto cocleare converte il suono in impulsi elettrici che simulano, per il nervo, l’udito naturale.

 

sensorineural hearing loss

 

Perdita Neurosensoriale da un solo lato.

Una sordità di tipo neurosensoriale può essere in entrambi i lati oppure riferita a un lato solo. In questo caso viene detta Monolaterale. Questa può avere un impatto significativo sulla vita di tutti i giorni influendo sulla capacità di percepire il parlato in presenza di rumore di fondo o nel localizzare i suoni. In questo caso un impianto cocleare può essere una soluzione, ripristinando l’udito nel lato ipoacusico, ma anche una protesi a conduzione ossea può, attraverso la trasmissione per via ossea, rappresentare una soluzione.

 

sensorineural hearing loss

 

Cosa fare?

Nel pensare a potenziali soluzioni al proprio problema di udito è bene tenere in considerazione tutte le opzioni e opportunità. Uno specialista è in grado di valutare tutte le opzioni per ogni singolo caso e permettere di operare la scelta migliore. La nostra sezione “Trova una Clinica” vuole essere un ausilio per identificare cliniche e professionisti sanitari in grado di dare supporto per la risoluzione di problemi legati all’udito.

Avviso importante

Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. Ti raccomandiamo di discutere ogni informazione con personale medico specializzato di tuo riferimento.Solo il loro consiglio è indicato per la migliore diagnosi e terapia disponibile per la tua condizione clinica individuale.